domenica 3 novembre 2013

Boredom

©

Oh, hello there. 
Quanto tempo è passato. 
Quante cose sono successe. 
Quante sono cambiate.
Eppure certe non cambieranno mai, come l'abilità con cui un povero studente universitario trova il modo di distrarsi quando invece dovrebbe studiare, studiare, studiare, stud...

Perciò sì, eccomi qui dopo anni praticamente, a scrivere ancora una volta quanto sia noiosa la mia vita.

Emozionante, no?

Spero che la maggior parte della gente che ha aperto questo post - annoiata come me, presumibilmente - abbia avuto il coraggio di arrivare fino a questo punto prima di richiuderlo e tornare a scorrere su e giù freneticamente la timeline di twitter, sperando di trovare un tweet interessante sfuggito per sbaglio che dia un'impennata alla serata. 
Se quindi siete ancora qui con me, vi ringrazio e potete andare che tanto la parte interessante finisce qui. Ciao.

A proposito di impennate, l'ultima che la mia vita ha subito è stata qualche settimana fa quando mi è arrivato per posta l'ennesimo vinile da banquetrecords.com, cosa che già di per sé avrebbe dovuto rendere la mia giornata migliore, ma quei furboni di banquet sanno come renderti davvero felice. Per chi non lo sapesse (shame on you, nel caso), Banquet Records è un negozio di dischi fantastico che vende tutte le ultime uscite musicali che state cercando disperatamente, ma ciò che lo rende ancora più fantastico è che quando acquisti qualcosa, ti ringraziano mandandoti un biglietto scritto a mano con consigli musicali e tanti cheers. Non so se avete capito che SCRIVONO A MANO. Forse sarò io ad essere esagerata, ma la prima volta che mi è arrivato un loro pacco non riuscivo a credere ai miei occhi ed è stato lì che ho capito di amarli. Finché ad occuparsi del mio ultimo ordine (questa meraviglia qui) non è stato un commesso mezzo italiano che ha riempito il consueto biglietto di cuoricini e di tantoammore. Ed è stato lì che ho capito che continuerò a dar loro molti molti soldi.
Perciò vi consiglio caldamente di comprare dischi da loro, ma soprattutto di comprare dischi.
Sui vinili ci sarebbero tante cose da dire, magari approfondirò il discorso un altro giorno, quando avrò qualcosa da studiare, sapete com'è.



Nessun commento:

Posta un commento